Di Giulia Armeni

Clima ed economia circolare: le sfide per le piccole imprese

L'appuntamento 22 giu 2021

La sostenibilità sta nelle piccole cose. Semplici azioni quotidiane - individuali e collettive - in grado di fare la differenze nel medio e lungo termine. Proprio per tradurre quanto più possibile dalla carta alla realtà le buone pratiche nazionali e internazionali per la salvaguardia del pianeta, Confartigianato Imprese Vicenza organizza il seminario "Cambiamenti climatici, resilienza e innovazione, tra rischi e opportunità. Pa e Pmi nel territorio e per il territorio".

Una giornata di lavori in programma venerdì 25 giugno, dalle 9.30 (su piattaforma online) e che vedrà la partecipazione di docenti, ricercatori, imprenditori e rappresentanti di enti e istituzioni.

L'appuntamento, promosso in collaborazione con l'università Iuav di Venezia e con il supporto di Edilcassa Veneto, punta a mettere in comunicazione pubblico e privato e a sviluppare riflessioni e proposte sul monumentale tema ambientale. Dal concetto di economia circolare alle comunità energetiche, dai mutamenti del clima all'impatto sulla salute, saranno venti i relatori che siederanno alla tavola rotonda virtuale moderata dal direttore del Giornale di Vicenza Luca Ancetti.

A dare il "la" al dibattito saranno i risultati del progetto europeo LIFE denominato "Veneto Adapt", che sta disegnando le strategie di adattamento ai cambiamenti climatici di Vicenza e di altre tre città del Veneto.

«Il ben fatto, il fatto per durare, il fatto senza sprechi, sono da sempre peculiarità dell'artigianato - sottolinea il presidente di Confartigianato Imprese Vicenza, Gianluca Cavion - in un contesto di cambiamento le imprese possono fare molto adottando processi di produzione che rientrino in una logica complessiva di sostenibilità ed economia circolare». La crescita green infatti, ricorda Cavion, «passa anche attraverso l'innovazione e per questo è quanto mai importante, soprattutto in questo momento di ripartenza, intercettare le risorse stanziate dal Pnrr attraverso una pianificazione locale che parte dal centro per irradiarsi alle Regioni e da qui calarsi nelle realtà provinciali e comunali».

Ad aprire la mattinata di conferenze sarà proprio Cavion, seguito da Giorgio Santini, presidente di Asvess - Associazione Veneta per lo Sviluppo Sostenibile e da Roberto Ciambetti, presidente del consiglio della Regione Veneto. L'argomento cardine (e le sue declinazioni) sarà introdotto da Francesco Musco, ordinario di tecnica e pianificazione urbanistica e direttore del nuovo corso di laurea magistrale in urbanistica e pianificazione per la transizione allo Iuav di Venezia.

«Estendere i temi della progettazione locale per l'adattamento al cambiamento climatico al mondo delle imprese è un passo fondamentale - evidenzia Musco - la redazione dei piani locali di transizione e resilienza climatica che partono dalla città pubblica, necessitano di coinvolgere anche tutto il sistema produttivo, a partire dalle piccole e medie imprese».

Dalle 10 prenderanno il via quattro focus tematici: "Scenari e rischi potenziali. Risk Assessment per la resilienza"; "Impatti sulla salute"; "Imprese, sostenibilità e finanza sostenibile"; "Agenda 2030, una cornice di riferimento per la sostenibilità e la resilienza del territorio". Tanti, come anticipato, gli ospiti di spicco: solo per citarne alcuni, ci saranno Francesco Rech, del dipartimento sicurezza del territorio di Arpav, Laura Mancini, direttrice del reparto ecosistemi e salute dell'Iss, Silvano Falocco, direttore di Fondazione Ecosistemi, Iris Visintin, consigliere esecutivo di Green Building Council Italia e molti altri, in rappresentanza di università di Padova, università Iuav di Venezia, Forum finanza sostenibile, Latitudo 40 Founder, Regione Veneto oltre a Confartigianato Vicenza (Digital Innovation Lab, Area Energia, Area Mercato).

L'evento, online, è gratuito, previa registrazione obbligatoria all'indirizzo seminario25giugno.eventbrite.it

Tutti i dettagli e il programma completo con l'elenco degli esperti (è possibile iscriversi anche solo ad alcuni incontri) sono disponibili al sito www.confartigianatovicenza.it. 

In collaborazione con