Di Matteo Pieropan

Rimborso sostenibile a chi va in bici al lavoro

Valchiampo 02 lug 2021

Nasce nella Valchiampo il progetto "Bike to work", che scommette sui due pedali o sul monopattino per andare e tornare dal posto di lavoro. È stato sottoscritto ieri in municipio a Chiampo il protocollo che vede coinvolti Comuni, associazioni di categoria e aziende, con l'obiettivo di incentivare la mobilità sostenibile. Il Comune di Chiampo è capofila e l'iniziativa coinvolge Arzignano, Montecchio Maggiore, Montorso e San Pietro Mussolino. A fianco dei Comuni c'è il concreto impegno di Confindustria Vicenza-raggruppamento Ovest Vicentino, Confartigianato Imprese Vicenza, Cna Veneto Ovest e Confcommercio Vicenza-delegazione di Arzignano. Ci sono poi il patrocinio della Provincia e il supporto tecnico dell'università di Padova con il prof. Maurizio Faccio.

 

Il sistema è strutturato in una raccolta punti accumulati da chi usa la bicicletta, sia tradizionale o elettrica, o il monopattino elettrico nel percorso casa-lavoro. Sono corrisposti 25 centesimi a chilometro, mediante una apposita App, che traccia i percorsi realizzati. Il valore accumulato sarà convertito in buoni sconto da utilizzare nei negozi locali aderenti. Nella App saranno conteggiati gli spostamenti, i punti maturati, i buoni sconto, la contabilità e i rimborsi ai commercianti, nonché i negozi aderenti. Ciascun Comune ha già versato una quota pari a 0,3 euro per residente per sostenere il progetto, che vuole coinvolgere 500 persone. Il protocollo d'intesa prevede, inoltre, una serie di azioni strategiche con la collaborazione di aziende e associazioni di categoria, volte a incidere sulla mobilità alternativa e sul sostegno del commercio locale. È previsto anche un contributo economico per l'acquisto del mezzo. A marzo 2022 è in programma un'estrazione che mette in palio un'auto elettrica.

 

«Un ottimo progetto che punta a migliorare la vita dei cittadini. Sarebbe opportuno estenderlo a chi si reca al lavoro a piedi», ha commentato Dario Fracasso rappresentante di Confindustria Vicenza-raggruppamento Ovest Vicentino. «Da anni lavoriamo sulla tematica della mobilità. Il progetto sulla ciclabilità ha grande potenzialità. Le infrastrutture ci sono, il progetto è attivo: confidiamo nei cittadini», ha sottolineato Ruggero Camerra presidente mandamentale di Confartigianato. Un plauso all'iniziativa è arrivato anche da Veronica Cecconato presidente Asa Ovest vicentino per Cna e da Leonardo Opali presidente della delegazione Arzignano di Confcommercio. 

«Siamo orgogliosi di essere capofila di un progetto così innovativo», ha commentato il sindaco di Chiampo Matteo Macilotti. Giovanni Lovato assessore all'ambiente di Arzignano ha aggiunto: «Ottimo progetto e finalmente dai tavoli si va sul concreto. Vedremo i risultati dell'anno sul campo. Da coinvolgere anche le scuole». «Un progetto ben impostato. Le infrastrutture servono sia ai lavoratori, sia al cicloturismo» ha detto il sindaco di Montecchio Maggiore Gianfranco Trapula. «Un altro passo decisivo nella tutela ambientale, per incentivare la mobilità alternativa e sostenibile» ha concluso l'assessore alla mobilità di Chiampo Massimo Masiero.

In collaborazione con